Ultimamente di gallerie d’arte giovani e molto tra virgolette “innovative” ne nascono a grappoli a Milano. Peccato che durino poco quando si trovano davanti al fatto che non possono sopravvivere di eventi con birre gratis e foto mosse della usa e getta dei loro amici in erasmus.

Una galleria che invece mi sento di sostenere è quella di Patricia Armocida, che dal 2007 sa come portare a Milano un mix tra artisti “amici” come Luca Barcellona o Francesco Deiana; artisti sconosciuti a chi non segue il gioco ma che si rivelano cazzuti tipo Diem Chau e Kappao (in mostra ora), e artisti di fama che conoscerai come Ari Marcopulus o i fratelli OS Gemeos.

Diem Chau tra l’altro è mega styloso e scolpisce le mine delle matite. Se non ci fosse la foto probabilmente staresti ancora pensando mine delle cosa?

Una volta siamo anche andati alla Galleria Patricia Armocida a fare un report ma poi viste le foto abbiamo pensato che fare i report alle cose d’arte non è il nostro mestiere, mentre continuare a farci le foto da fatti poteva diventare un nuovo impiego ed ecco che nacque il Diario degli Amici.

Minchia era pieno di gente all’inaugurazione della nuova location. Foto di artribune.com

Fino a un annetto fa (più o meno) la GPA si trovava in Via Bazzini 17, verso Lambrate – mentre ora è in Via Lattanzio 77 – te lo dico perché non si sa mai che vedi i nostri post vecchi e segui le indicazioni sbagliate. Eh, ci teniamo al tuo tempo, non buttarlo nel cesso.