Reebok Basquiat drop 3
Ecco il terzo ed ultimo drop di scarpe Reebok vestite da opere di Basquiat. Abbiamo parlato di soldi nel primo, di graffiti nel secondo, e ora parliamo di droga. Sai com’è, Jean è morto di overdose in seguito ad un mix di droghe conosciuto come Speedball.
Ma non era morto di AIDS? No, è morto con l’AIDS.

Il mix consiste nel mischiare l’eroina con la barella o con le anfetamine. Easy. Lo sbatti è solo che l’effetto della coca è super eccitante ed aumenta i battiti cardiaci, però dura meno dell’effetto della robba che al contrario ha un effetto depressivo e rallenta il battito, il rischio è un macello chiamato “overdose ritardata” che può portare a disturbi di tipo respiratorio e a farti rimanere secco. Visto che lo Speedball è roba per gente seria che si droga pesante qualche tossichello ha pensato di inventare qualcosa di più leggero in modo da non morire, ma basato sullo stesso trick eccitato/collassato. Ed è così che nasce il Vodka Red Bull, tipico Speedball Cocktail visto che la Red Bull c’ha la taurina che ti gasa e la Vodka invece ti piglia male. Però bere è da babbi, meglio fumare, quindi pare che ci sia qualcuno che si spara la combo Ganja + Caffè in modo che l’erba ti abbiocca e il caffè ti ripiglia, non ne capisco il senso, si chiama Hippies Speedball. Adesso capisco.
Basquiat non è l’unico famoso ad essere crepato per colpa di sto mix, un altro è John Belushi per esempio. Ma non aver paura di provare, c’è anche chi si è salvato da sta roba tipo Dave Gahan dei Depeche Mode che nel ’96 si è gasato un bel attacco di cuore ma non è morto, o Steven Adler dei Guns’n'Roses che ha subito “gravi danni alla capacità di articolazione della parola” in seguito ad un infarto in Speedball. Tra le varie ipotesi pare che il miscuglio sia stato inventato da qualche statunitense reduce di quel fottuto inferno conosciuto come Guerra del Vietnam, poi lo capisci perchè si perdono le guerre.

Basquiat

Jean Michael Basquiat non fatto