Nike Air 180
La prima Nike Air 180 risale al 1991. Se la conosci tutt’ora e la compri tutt’ora non ci vuole tanto a capire che è una bomba. Era una delle chicche più pese da running di casa Nike e ai tempi pare costasse 249.000 Lire, le altre scarpe costavano meno della metà.

Va bè, soldi a parte. Dopo il capitolo ’91, la nascita, la novità e la figata, nel ’92 Nike inizia a proporre delle colorazioni di Air 180 un po’ più freak. Tipo quelle per le Olimpiadi di Barcellona bianca e viola con swoosh oro. La tomaia è in camoscio sintetico, mentre la parte centrale è in nylon Poly-Pag super leggero in modo da far traspirare appalla il piede. La linguetta delle 180 è attaccata alla parte inferiore della scarpa, in pratica sembra di infilare il piede in una calza ma è difficile da spiegare, ti giuro. Probabilmente solo le prime Huarache sono riuscite ad eguagliare la calzata dell’ Air 180 originale. Che poi in realtà non bisogna fare i nostalgici della domenica che quando sono uscite le 180 c’avevo 2 anni.. Tanto alla fine anche le Air Max 97 sono comodissime, le 90 pure, le 360 pure, le Free pure, le Stab pure, le Structure pure, le Spiridon pure, le 87 pure, le Shox pure, le Mariah pure, le Footscape pure, eccetera.

Air 180 Box

Air 180 – 1991
White/DK.Concord – BT.Ceramic
Made in Korea

Air 180 1991