Senza stare troppo a ragionarci su, quando sei un artista che fa i quadri sei una spanna sopra a tutti gli altri. Non ce n’è. Quando dici a uno: “sono un artista” lui si immagina la tavolozza dei colori, poi se dici che sei un istallatore di opere audio video ti crede pazzo, perchè? Te lo spiego io, perchè con le tipe devi essere diretto, se sei un artista te la da quindi non c’è tempo di spiegare cosa fai. Si deve capire al volo. Senza una fottuta parola spesa a spiegare che le tue foto sono attimi rubati alla quotidiana routine di un senzatetto jamaicano a Parigi. Ricapitolando se sei un artista ma lavori al computer non si vede che sei un artista perchè hai le scarpe pulite.

E allora che cazzo fai l’artista a fare? (non lo so)… Però Martin Margiela risolve il più grande dei tuoi problemi. Da oggi anche chi fa istallazioni audio-video, sculture in cera, grafica 3D, cinema, moda e arte culinaria… Può vagabondare per strada sporco di vernice e trombare senza aprire bocca — basta uno sguardo alle calzature da parte della “lei” di turno. Fino a quando viene rimbalzato all’Old Fashion scambiato per un imbianchino di cattivo gusto (andare in giro con le scarpe che usi per lavorare se fai l’imbianchino è di cattivo gusto) e torna alla cara vecchia Hogan Interactive ma è un altro discorso.